Corriere della Sera, 18 settembre 1995